Brindisi: truffa a Inps da 3,5 milioni di euro

Falsi braccianti scattano avvisi di garanzia
di Redazione

Gli uomini della Guardia di Finanza di Brindisi hanno scoperto una maxi truffa da 3,5 milioni di euro ai danni dell’Inps nel settore dei contributi previdenziali in agricoltura. La procura di Brindisi ha notificato a 33 indagati un’informazione di garanzia con contestuale invito a rendere interrogatorio.
Tra le persone implicate, molte delle quali falsi operai agricoli, c’è un consulente del lavoro di Torre Santa Susanna (Brindisi) che avrebbe istruito quasi tutte le pratiche su cui le Fiamme Gialle, su delega del pm Raffaele Casto, stanno svolgendo i relativi accertamenti. Sono circa 300 i lavoratori impiegati fittiziamente, in media per 25.000 giornate lavoro annue e sette le cooperative che sarebbero state costituite, poi sciolte e poste in liquidazione, e che avrebbero stipulato contratti di affitto o comodato con i proprietari di fondi nei Comuni di Torre Santa Susanna, Erchie e Mesagne, impiegando poi gran parte dei dipendenti facendoli transitare – come si legge nei capi di imputazione – da una cooperativa all’altra senza mai versare i contributi per ciascuno di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *