Blitz nella roccaforte del clan Lo Russo, ritrovate armi e droga

Un 19enne già noto alle forze dell’ordine è finito in manette.

I carabinieri hanno ritrovato armi e droga durante una perquisizione a Miano, quartiere da sempre sotto il controllo del clan Lo Russo.

Clan Lo Russo | Perquisizioni da parte dei carabinieri della compagnia Vomero, del reggimento “Campania” e del nucleo cinofili in varie abitazioni di Miano. Quartiere in cui i traffici illeciti sono ritenuti sotto il controllo del clan camorristico dei “Lo Russo”.

Arrestato Angelo Pesacane, un 19enne di Miano già noto alle forze dell’ordine. Che a casa nascondeva una pistola lanciarazzi priva di matricola, 36 grammi di hashish divisi in dosi e un bilancino elettrico. Dopo le formalità è stato tradotto in carcere.

La contabilità dello spaccio

In un’abitazione disabitata di vico Chiesa è stato rinvenuto un revolver carico, sequestrato a carico di ignoti. E nella stessa via, all’interno dell’abitazione di un 48enne disoccupato e pregiudicato, i militari hanno sequestrato 3.270 euro di dubbia provenienza e fogli con appunti riconducibili a contabilità di spaccio.

Altri soldi verosimilmente provento di attività illecita i carabinieri li hanno sequestrati in vico Cotugno, nell’abitazione di un altro pregiudicato disoccupato, 27enne: sequestrati in questo caso 11.300 euro dei quali sarà accertata la provenienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *