Atto vandalico nel napoletano: ignoti fanno esplodere casetta usata per i malati di autismo

Atto vandalico nel napoletano: ignoti fanno esplodere casetta usata per i malati di autismo

Atto vandalico nel napoletano: ignoti fanno esplodere casetta usata per i malati di autismo. Tutte le info per chi volesse aiutare il progetto Melasana

Atto vandalico in un terreno di Massa di Somma, in provincia di Napoli in cui, quotidianamente, venivano svolte attività per favorire il graduale inserimento sociale di quindici ragazzi affetti da autismo nell’ambito del progetto “Melansana” della Cooperativa TMA Group Metodo Caputo Ippolito di Casoria (Napoli). Ignoti, fa sapere la cooperativa, hanno fatto esplodere la casetta nella quale c’erano i servizi igienici e dove venivano custoditi gli attrezzi usati per le coltivazioni.

 

Atto vandalico nel napoletano: il supporto economico giunto dalla fondazione “Oltre il Labirinto”

Nel terreno preso di mira dai vandali, venivano coltivati prodotti ortofrutticoli che poi venivano venduti con il marchio “Melasana”, attività che ora è costretta a uno stop. Supporto, anche finanziario, è giunto dalla FondazioneOltre il Labirinto” e chiunque vorrà fornire un contributo potrà farlo inviando un aiuto alla Cooperativa sociale T.M.A. Group, via Vincenzo Cuoco n.26 – 80026 Casoria (Napoli) (IBAN: IT79K 05308 39690 00000 0000871) specificando nella causale “contributo per Progetto Melansana“. (Fonte Ansa)