Attentato al quotidiano francese Libération: un ferito. La polizia sospetta di un unico attentatore

di Maria Stella Rossi – La sede del celebre giornale francese Libération ha subito un attentato. La notizia, rimbalzata sui principali canali di comunicazione, ha fatto repentinamente il giro del mondo e stando alle prime notizie date un fotografo sarebbe rimasto ferito al petto.

Ricostruendo quanto accaduto, in mattinata l’attentatore si sarebbe recato alla sede del giornale, non molto lontano da Place de la République, facendo fuoco nell’atrio del quotidiano e ferendo gravemente un fotografo di ventisette anni, la cui prognosi rimane tutt’ora riservata.

Gli attimi di paura, però, non si sono fermati qui. Il sospettato, dandosi alla fuga, avrebbe di nuovo sparato qualche ora più tardi nei pressi della Societé Generale a la Défense, prendendo poi in ostaggio un automobilista e obbligandolo a trasportalo verso gli Champs-Elysees, zona da cui si sarebbe dileguato molto velocemente.

Senza perdere tempo la polizia ha subito diramato l’identikit dell’uomo: un quarantenne dalla testa rasata e, probabilmente, di nazionalità francese. Di pochi minuti fa sono invece le dichiarazioni di Francois Molins, il procuratore della Repubblica di Parigi: “Tenuto conto degli elementi messi in luce da testimonianze e videocamere, privilegiamo la pista di un autore unico.

Un attentatore in solitaria quindi, che, a quanto pare, non è nuovo alle forze dell’ordine: venerdì l’uomo aveva minacciato un giornalista dopo essere entrato nella redazione di BFM-TV.

 

19:24
18/11/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *