ArteReclusa/LiberaArte 2019

ArteReclusa/LiberaArte 2019 presenta Le evasioni possibili, cinque appuntamenti dal 11 al 18 aprile 2019

La manifestazione ripete per il suo terzo anno consecutivo l’esposizione delle perturbanti evasioni dell’Espressione dai territori in cui si trova reclusa/esclusa.

Lo scopo della Mostra è ospitare ed esporre manufatti e costruzioni, dipinti e invenzioni , emozioni e cure che nascono nello spazio ristretto della reclusione e dell’esclusione , ed in cui emerge una connessione tra espressione creativa e salute mentale

Il materiale di cui è composta la mostra nasce dai laboratori delle strutture detentive e dalle esperienze dei Dipartimenti di Salute Mentale del territorio campano, e nasce in quella zona di confine che divide gli antinomici concetti di norma e suo contrario, di libertà e chiusura, di malattia e salute, di repressione e volontà di esprimersi.

Una zona definita grigia ma in realtà carica di colore che è caratterizzata dalla possibilità concessa all’Espressione di raccontarsi, e dove il confine diventa luogo piuttosto che una linea netta, in cui non si insegue un obiettivo definito, ma piuttosto si trova con l’istinto di chi non cerca , approfondendo la ricerca di ciò che non si conosce, perché in ombra (precluso) o perché non visibile in condizioni ordinarie.

ArteReclusa/LiberaArte diventa allora un contenitore, un luogo in cui si dialoga e che raccoglie in uno spazio libero le possibilità espressive prodotte nei luoghi di reclusione. Intesa, nel senso estensivo del termine, come esclusione per colpa propria o di altri.

Le opere selezionate sono state scelte da una commissione composta da Adolfo Ferraro (psichiatra) Lello Esposito (artista) Rossana Calvano (psichiatra) Aniello Barone (docente fotografia) Luciana Libero (giornalista) Ignazio Senatore (psichiatra) Claudio Malice (Storico dell’Arte) e Amalia Fanelli (coordinatrice), e sono state visionate negli istituti penitenziari di Napoli- Poggioreale, Napoli- Secondigliano, Benevento, S. Maria Capua Vetere e l’istituto di pena femminile di Pozzuoli, presso i centri diurni di riabilitazione psichiatrica del Dipartimento di Salute Mentale della ASL Na 1 Centro e dei Dipartimenti del territorio campano.

Nell’ambito della Mostra si terranno cinque giornate di approfondimento come Tavole Rotonde:

Giovedì 11 aprile Ore 9,30 / 13,30
Sala Giuseppe Galasso
Carcere e Cura
Salute mentale e reclusione
Discussant : Adolfo Ferraro
– Domenico Schiattone – Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria Campania
– Samuele Ciambriello – Garante dei detenuti Regione Campania
– Giuseppe Nese – Responsabile Medicina Penitenziaria ASL Ce
– Fedele Maurano – Direttore Dipartimento Salute Mentale ASL Na1
– Felice Pier Carlo Iovino – Docente Dipartimento Scienze Giuridiche Università Salerno
– Adriana Pangia – Presidente Tribunale Sorveglianza di Napoli
– Patrizio Gonnella – Presidente Nazionale Antigone

Venerdì 12 aprile
Antisale dei Baroni Ore 9,30 / 13,30
Creatività e Salute mentale
Le esperienze.
Saluti
Fedele Maurano
Direttore Dipartimento Salute Mentale ASLNA1CENTRO
Stefano Vecchio
Coordinatore Dipartimento SERD ASLNA1Centro
Discussant: Rossana Calvano
Psichiatra Dirigente I Livello, Referente DSM ASLNA1Centro per la Mostra ArteReclusaLiberaArte
– Apolito Paolo
Professore Ordinario Antropologia Culturale Università di Roma Tre
Arte Reclusa, uno sguardo antropologico
– Orietta Occhiuzzi
Psichiatra Dirigente I Livello, Comitato scientifico di Progetto con E. Ferrandes ed E. D’Aietti – ASLNA1CENTRO
La linea del cuore. Esperimenti e ricerca di Comunità #Artepernonestinguersi
– Marialuisa Califano
Psicologa Dirigente II livello ASL BN:
Percorsi d’arte e contaminazioni creative: una singolare esperienza d’integrazione tra istituzioni
– Alfredo Bisogno (Direttore UO Salute Mentale Cava dé Tirreni-Costa D’Amalfi), Claudio Ardia (Responsabile CDR) e utenti del Centro Diurno di Cava DSM ASL Salerno:
LIEB. Corpo-vissuto, Corpo-del-gruppo nell’essere assieme nella configurazione artistica
– Diana Facchini
Musicoterapista, direttore e didatta IdF in musicoterapia Isfom :
La comunicazione profonda in musicoterapia con pazienti psicotici gravi
– Gianluca Catuogno
Pianista, musicoterapista presso l’A.O.R.N. Santobono-Pausilipon di Napoli:
Musicoterapia per bambini in ospedale tra cure palliative e terapia del dolore
– Daniela Morante
Artista, counsellor:
Esporsi all’inedito. Metafore visive nei luoghi di crescita e disagio dei bambini: scuola, ospedale, carcere

Sabato 13 aprile
Antisale dei Baroni Ore 9,30 / 13,30
Il Teatro del Disagio
Discussant : Luciana Libero
Giornalista – Critico teatrale
– Francesco Di Leva – Nest Teatro Art33
– Davide Iodice – Scuola Elementare del Teatro
– Mario Gelardi – Nuovo Teatro Sanità
– Dario Aquilina -. Teatro dell’Anima
– Gesualdi/Trono – Teatringestazione
– Maurizio Volpe – Laboratorio Artistico Compagnia Instabile – UOC Puglianello e Morcone

Martedì 16 aprile
Antisale dei Baroni Ore 9,30 / 13,30
Le ali della libertà
Quando il carcere(al cinema) libera l’immaginazione
Discussant : Ignazio Senatore
Psichiatra – Critico cinematografico
– Alberto Castellano – critico cinematografico
– Gaetano Di Vaio – attore/produttore
– Silvio Perrella – scrittore
– Anna Masecchia – Professore Associato Storia del cinema – Università FedericoII

Giovedì 18 aprile
Antisale dei Baroni Ore 9,30 / 13,30
La scrittura reclusa
Saluti : Domenico Ciruzzi – Presidente Fondazione Premio Napoli
Discussant : Amalia Fanelli
– Libero Mancuso /Saverio Senese : Una malavita- La vera storia di Angelo Moccia
– Yousef Wakkas : Fogli Forzati/Terra mobile
– Maurizio Braucci : L’infelicità italiana
– Vincenzo Russo : Il capocella
– Maria Pia Daniele : Faide
letture di scritti di detenuti del carcere di Secondigliano- legge Titti Pepi

Nell’Atrio della Mostra vi sarà una esposizione fotografica degli allievi del Corso di Fotografia della Accademia di Belle Arti di Napoli ( Prof. Aniello Barone) sulle attività che si svolgono nei centri di riabilitazione

Elaborazioni audio video : Gianluigi Vacca, Referente CDR Gulliver
per Era Cooperativa Sociale

Per informazioni: sifppenitenziaria@virgilio.it – 337 863302 – 333 4190342

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *