Annalisa Durante: biblioteca a porte aperte in suo nome

Annalisa Durante: biblioteca a porte aperte in suo nome

Biblioteca a porte aperte nel cuore di Forcella. Nasce nel nome di Annalisa Durante, undici anni fa vittima innocente della camorra.

Il progetto nasce nel nome di Annalisa Durante, morta a soli quattordici anni il 27 marzo 2004, vittima innocente della camorra. Tra un mese avrebbe compiuto 25 anni e il suo nome vive ancora tra i vicoli di Forcella, questo grazie alla forza di volontà del padre Giovanni, che negli anni successivi alla morte della sua bambina ha voluto combattere la criminalità organizzata, senza armi ma con la ‘cultura’, ideando nel quartiere un’attività di ‘book crossing‘. Un modo per educare i giovani che vivono in ambienti difficili e così prevenire che possano cadere nella trappola dell’illegalità. Da tale iniziativa oggi si è arrivati così all’imminente apertura di una vera e propria biblioteca aperta nel cuore di Forcella.

Biblioteca a porte aperte nei locali di Piazza Forcella dedicata ad Annalisa Durante

Da una semplice attività artigianale di ‘book crossing’ all’apertura di una Biblioteca pubblica. Questo grazie a Giovanni Durante, che dopo la morte della piccola Annalisa, sua figlia, avviò tale attività di scambio di libri nel quartiere. Nel tempo l’iniziativa ha preso sempre più piede tanto che è stato necessario allestire dei piccoli spazi presso esercizi pubblici o addirittura per strada, per far fronte al sempre più crescente viavai di libri. Col ‘book crossing’ infatti vi è la possibilità di prendere un libro gratuitamente in cambio di lasciarne un altro. Un’attività che ultimamente ha fatto parlare di sé in tutta Italia, nell’ultimo anno infatti l’Associazione Annalisa Durante è stata sommersa da migliaia di libri, e ora hanno bisogno di trovare un’adeguata sistemazione, la strada e gli esercizi pubblici non bastano più. Il Comune di Napoli ha messo quindi a disposizione i propri locali di Forcella per la realizzazione di una vera biblioteca. Qui i giovani, appartenenti alle classi più svantaggiate, troveranno un luogo sicuro e gratuito dove avere libero accesso alla cultura e sfuggire alla criminalità.