Un anno dalla morte di Salvatore Giordano, Angelo Pisani: "Mai più simili tragedie"

Angelo Pisani: “Fino in fondo per affidare i responsabili della morte di Salvatore Giordano alla giustizia”

L’avvocato Angelo Pisani: “Bisogna concentrare le indagini per la morte di Salvatore sui veri responsabili a quanto pare non sono affatto i privati”

Ad un anno dalla grave tragedia che ha colpito la famiglia del giovanissimo Salvatore Giordano, l’avvocato Angelo Pisani ha rilasciato una dichiarazione direttamente dalla sua pagina facebook per esprimere “la più sentita solidarietà e vicinanza ai suoi familiari, che sino ad ora hanno affrontato tale assurdo lutto con grande dignità”.

 

Angelo Pisani sottolinea: “Saranno assicurati i responsabili alla giustizia”

Gli avvocati Angelo e Sergio Pisani, sottolineano che non ci sarà “un calo del livello di attenzione su quanto accaduto e soprattutto, chi ha sbagliato sappia che la famiglia di Salvatore andrà fino in fondo per affidare alla giustizia i responsabili “ad ogni livello” di questa tragica e vergognosa vicenda senza sconti per nessuno e perché non accada mai più”.

“Non può non provarsi enorme vergogna – si legge – per quanto accaduto, ma da legali della famiglia abbiamo il dovere di ricordare, a chi sta indagando sul caso, che le gravi omissioni da parte del Comune di Napoli così come accertate nella perizia ordinata dalla Procura, impongono una verifica anche sui poteri di sollecitazione e rimedio attribuiti al Sindaco dalla legge.
Di fronte ad una così fatiscente situazione di abbandono in cui versava la facciata di uno dei monumenti più importanti della città, oltre che tante strade e strutture pubbliche , è doveroso infatti verificare se il Sindaco esercitò le sue prerogative di controllo, indirizzo e sollecitazione nei confronti di chi aveva il dovere di mantenere quell’area”.

 

Angelo Pisani: “Processo celere e  condanne per i colpevoli”

“Bisogna concentrare le indagini – conclude – sui veri responsabili, che a naso, a quanto pare non sono affatto i privati, garantendo alla famiglia un processo celere e la giustizia che gli restituisca almeno la condanna dei colpevoli dell’assurda morte di Salvatore. Sappiano i cittadini napoletani che a fronte delle nostre richieste risarcitorie il Comune di Napoli pur messo di fronte all’evidenza delle sue responsabilità, così come accertate dalla perizia disposta dalla Procura, ha negato ogni addebito sull’accaduto baipassando del tutto anche la nostra richiesta di conoscere gli estremi della polizza assicurativa garante per l’evento. Mi chiedo a tal punto se esiste una polizza assicurativa!”