Alla Campania il premio per la prevenzione dei rifiuti 2015

Alla Campania il premio per la prevenzione dei rifiuti 2015

Proclamati i vincitori del Premio nazionale sulla Prevenzione dei Rifiuti. La Campania diventa un modello da seguire

E’ andato alla Regione Campania il premio Prevenzione Rifiuti 2015, promosso da Federambiente e Legambiente e patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio.”Il premio ricevuto a Roma per il Piano regionale di prevenzione per la riduzione dei rifiuti rappresenta un importante riconoscimento per la Campania e dimostra che le politiche attuate dalla Giunta Caldoro per la gestione dell’intero ciclo dei rifiuti ci pongono all’avanguardia in Italia”. Così l’assessore regionale all’Ambiente Giovanni Romano, al termine della cerimonia di consegna del premio nazionale.

 

Un piano che ha portato a una riduzione pari a 240mila tonnellate in meno

“La nostra strategia – ha spiegato l’assessore – è stata mirata, da subito, alla riduzione a monte dei rifiuti, in modo che si riuscisse ad avere un minor quantitativo di scarti da lavorare e smaltire. Da un lato ci siamo attivati per implementare best practice in materia di raccolta differenziata e, dall’altro, per ottenere una minimizzazione dei rifiuti ex ante. I risultati ci danno ragione: dal 2010 ad oggi, in Campania, si è avuta una riduzione di rifiuti di 240mila tonnellate annue. Siamo passati dalle 2 milioni 790mila tonnellate complessive del 2010 alle 2 milioni 550mila attuali (dati Ispra e Regione Campania) con una raccolta differenziata che ha raggiunto il 50 percento”.

 

Pronto a essere messo in campo un investimento di 30 milioni di euro

L’assessore Romano ha poi proseguito ricordando come il Piano regionale di Prevenzione per la riduzione dei rifiuti “che abbiamo realizzato con le sole professionalità interne all’Assessorato e la collaborazione dell’Arpac e che è stato oggi premiato a Roma, sarà ora attuato grazie all’investimento da parte della Giunta Caldoro di 30 milioni di euro: i fondi sono già disponibili e i bandi saranno pubblicati entro aprile. Grazie alle 14 iniziative che saranno messe in campo, stimiamo una ulteriore riduzione del 10 per cento, pari a 260mila tonnellate.

La Campania è la prima regione d’Italia a dotarsi di un tale strumento strategico, in linea con le direttive di Bruxelles. Uno strumento che è già operativo anche perché’ nel 2012 sono stati finanziati interventi concreti di riduzione per 7 milioni di euro realizzati dai Comuni, attraverso le Province. “Condividiamo il premio con tutti gli enti, le associazioni, i soggetti portatori di interesse, che hanno collaborato attraverso il Tavolo del Partenariato presieduto da Luciano Schifone”, ha concluso Romano.

 

La soddisfazione di Caldoro: “Prima una vergogna, adesso un modello”

“Abbiamo voltato pagina, un riconoscimento significativo. Abbiamo recuperato anni di ritardo e costruito un sistema normativo moderno, una programmazione all’avanguardia, sosteniamo i comuni che sono i veri protagonisti”. Così il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro. “Siamo dopo la vergogna del passato un modello, conclude il Governatore.