Alessandro Bolide: il tormentone “Ma che ce ne fott” diventa un libro

Alessandro Bolide, e il suo amico immaginario Claudio, ci raccontano la loro prima opera editoriale “Ma che ce ne fott” ad un party al Tam di Napoli

Lo scorso 2 dicembre 2014 c’è stato un party al Tam di Napoli in onore del cabarettista di Made in Sud Alessandro Bolide per festeggiare il suo debutto come scrittore con un libro che prende il titolo dal suo tormentone “Ma che ce ne fott’…”, scritto in collaborazione con Pino Imperatore. Amici e parenti e tanta allegria sono state le parole d’ordine della festa.

Alessandro Bolide: “Ecco il mio primo libro

Edito da Sperling&Kupfer, il repertorio dell’emergente comico napoletano Bolide,  scoperto da Francesco Albanese, già autore di Alessandro Siani,  e seguito dallo scrittore umorista Pino Imperatore per l’editing,  prende corpo, in un libro che prende il titolo del tormentone che lo ha reso famoso sul piccolo schermo “Ma che ce ne fott’…!”, un testo che si legge velocemente grazie al ritmo della scrittura che appare come se fosse uno spettacolo su carta. Nell’intervista video, Bolide si racconta svelando alcuni passaggi per la stesura del libro e annuncia i suoi nuovi progetti lavorativi, tra cui il ritorno  in RAI sul piccolo schermo di Made in Sud, prodotto dalla Tunnel Produzioni di Nando Mormone, da Marzo e sempre in primavera il lancio del film scritto e diretto da Francesco Albanese “Ci devo Pensare” che invece lo vedrà tra i protagonisti sul grande schermo.