Alessandra Clemente è la nuova mentalità napoletana. I giovani sono la risorsa della città

Alessandra Clemente è il volto giovane, e non solo, della giunta comunale napoletana, dopo la candidatura alle elezioni politiche nazionali di Alberto Lucarelli e Sergio D’Angelo. Altro volto nuovo è anche Carmine Piscopo, assessore alle Politiche urbane, che si unisce per ringiovanire la giunta sia in termini di età che di idee.

Alessandra Clemente, figlia di Silvia Ruotolo nostra concittadina uccisa da un proiettile vagante in una sparatoria a Napoli alla salita Arenella, diventa assessore alle Politiche Sociali con delega alle Politiche giovanili e all’Innovazione. Avrà il compito di rappresentare le nuove generazioni; indiscusso e noto è il suo impegno come presidente della Fondazione che porta il nome della mamma. “La ferita che porto dentro non è solo mia” – ha detto la Clemente al momento della formalizzazione dell’incarico  – “porto la mia storia personale e la forza dei movimenti. I ragazzi non sono ospiti in città ma protagonisti”.

Siamo certi che Alessandra porterà una ventata d’innovazione e di cambiamenti positivi alla città di Napoli; la sua presenza nella giunta è un segno importante per i giovani, per tutti i cittadini e per Napoli. Le sue parole sono vere ed emozionano fino a farci scorrere una lacrima che non cerchi di nascondere, parole che conosciamo e comprendiamo.

Anna Copertino

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *