Alberto Angela torna per raccontare le “Meraviglie” di Baia

Alla scoperta di un parco archeologico sommerso.

Alberto Angela riprende il suo viaggio con quattro nuove puntate del suo programma su Rai1.

“Pinneggiando” alla scoperta dell’antica citta’ romana di Baia dove “sotto pochi metri d’acqua sono conservati i resti di un incredibile ninfeo”. Addentrandosi “nelle grotte di Frasassi dove in un ambiente vasto come il Duomo di Milano si trovano stalattiti formatesi in 12mila anni”. O ancora passeggiando per i vicoli del Val di Noto “dove, immersa nel silenzio, parla la pietra scolpita del barocco”. Alberto Angela riprende il suo viaggio tra le ‘Meraviglie’ d’Italia – quattro nuove puntate da martedi’ 12 marzo su Rai1 in prime time, dodici tappe in siti patrimonio dell’umanita’ Unesco o in attesa del riconoscimento – spingendosi questa volta “oltre i confini del visibile, sotto terra e sott’acqua”. “Rispetto alla scorsa edizione abbiamo allargato gli orizzonti la’ dove non si vede”, spiega Angela, raggiunto al telefono in Israele dove sta lavorando alla nuova stagione di ‘Ulisse’.

“Al largo di Baia, nel golfo di Napoli, c’e’ un parco archeologico sommerso: una sorta di Pompei subacquea, anche se qui non ci sono muri, ma soltanto il reticolato, le strade con i tipici basolati, i porti e il ninfeo dove banchettavano gli imperatori”, racconta. “Ma la cosa piu’ incredibile e’ che, accarezzando dolcemente il fondo e lasciando che la sabbia si sollevi, appaiono mosaici intatti da 16, 18 o 20 secoli, preservati proprio grazie alla sabbia che li ha protetti”. Uniche al mondo anche “le grotte di Frasassi: entrare in questi ambienti enormi, con le stalattiti alte due metri che si sono formate nell’arco di 12mila anni, e’ come trovarsi di fronte alla storia dell’uomo. Alcune, incredibili, hanno la forma di lenzuoli ondeggianti. In questo modo fatato e irripetibile – sottolinea l’infaticabile divulgatore, paleontologo, giornalista e scrittore – il vero protagonista e’ il tempo”. Dai mosaici bizantini di Ravenna agli splendori dei Gonzaga, dai ricami in pietra di Lecce alle glorie del Teatro San Carlo, senza dimenticare che il paesaggio stesso e’ un’opera d’arte, come testimoniano Frasassi o il Monte Bianco, Alberto Angela rivela l’impronta di urbanisti sapienti e grandi mecenati, artigiani sconosciuti o geni assoluti come Bernini, Borromini, Rossini, Raffaello.

La presenza di ospiti d’eccezione per arricchire il progetto

“Un altro luogo eccezionale – continua – e’ il Val di Noto. Vedremo Modica, Scicli, Ragusa Ibla, quelli che nella fiction, ma non nei romanzi di Camilleri, sono i luoghi di Montalbano, con il cielo azzurro, i vicoli, le preziose architetture e le onde di pietra che ti circondano”. Ad arricchire il racconto, ospiti d’eccezione come Massimo Ranieri, Gigi Proietti, Pippo Baudo, Giuliano Sangiorgi, Paolo Fresu, Dori Ghezzi, Renzo Arbore. Particolare attenzione anche alla parte musicale, con la tromba di Fresu, gli intermezzi del soprano Maria Sardaryan e una spettacolare pizzica a Melpignano, sui luoghi della Notte della Taranta. Svelando i tesori archeologici, artistici, naturali d’Italia, l’impegno e’ “far passare un messaggio potente ai giovani, dei quali mi fido molto: la storia – sottolinea – insegna che la nostra genialita’ e creativita’ ha generato capolavori, da li’ dobbiamo prendere spunto per affrontare i problemi di oggi. Se siamo stati leader nel passato, possiamo ancora esserlo: siamo sempre noi, non siamo cambiati, dobbiamo rimboccarci le maniche. Il mio lavoro e’ questo: non abbiamo il petrolio, ma abbiamo le idee”.

Un messaggio in qualche modo anche ‘politico’: “Cerco di stare lontano dalla politica”, risponde Alberto Angela. “Ma un messaggio etico e di responsabilita’ si’, nei confronti dell’Italia e dell’azienda, della Rai servizio pubblico”. Frutto di “uno straordinario gioco di squadra”, “completamente realizzato internamente alla Rai”, ‘Meraviglie’ “e’ stato gia’ venduto in 41 Paesi diversissimi fra loro, dal Sud America alla Corea, dall’Iran alla Federazione russa. La bellezza sempreverde del nostro Paese – conclude con orgoglio – e’ fonte di ispirazione e di qualita’ anche all’estero”. Il backstage del programma sara’ raccontato in ‘Meraviglie, la penisola dei tesori’, da domani alle 23.15 su Rai1: la film maker Mariafrancesca Marcelli ha seguito ‘on the road’ le fasi preparatorie che precedono ogni ciak.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *