Al Pacino al Teatro Festival: scatta la polemica per il compenso di 700mila euro

Al Pacino al Teatro Festival: scatta la polemica per il compenso di 700mila euro

Al Pacino al Teatro Festival con due recital il 13 e 14 giugno: scatta la polemica per il compenso di 700mila euro

Franco Dragone, nuovo direttore del Teatro Festival Italia, ha preparato per Al Pacino un contratto da 700mila euro per due serate in cui l’attore dovrebbe tenere due recital presso l’Arena Flegrea. Come riportato dal Corriere del Mezzogiorno, se la cosa dovesse andare in porto, Al Pacino si esibirebbe il 13 e 14 giugno e subito dopo dovrebbe essere presente a una cena i cui presenti (circa 100 persone) pagherebbero 500 euro a coperto. Ma nulla è ancora certo soprattutto perché Luigi Grispello, presidente del Teatro Festival si oppone con forza a causa del pagamento che spetterebbe ad Al Pacino se dovesse accettare di essere presente all’Arena Flegrea.

Al Pacino al teatro Festival: l’opposizione di Carlo Cerciello e l’Asilo Filangieri

Ma Luigi Grispiello non è il solo a parlare di quanto potrebbe accadere. Il direttore del Teatro Elicantropo, Carlo Cerciello, parla di “cifra oscena” per Al Pacino e di persone incompetenti in merito al mondo del teatro, persone che pensano di poter risolvere i problemi attraverso un grande nome “mentre il teatro muore“. L’Asilo Filangieri invece, attraverso un comunicato, cosa si potrebbe fare con 700 mila euro: “500 residenti artistiche in un anno; i medi e piccoli teatri della Campania per un anno; almeno 8 scuole di teatro o di danza con borse di studio per 400 allievi“, come riportato da FanPage.