Al Museo Diocesano il Convegno Internazionale sul Presepe Napoletano

Un importante momento di approfondimento e di confronto tra i maggiori esperti del presepe a Napoli e nel mondo.

Il 10 gennaio alle ore 9.30, si terrà a Napoli, presso il Museo Diocesano, in Largo Donnaregina, un Convegno il Convegno internazionale “Il Presepe napoletano come strumento di evangelizzazione”, un importante momento di approfondimento e di confronto tra i maggiori esperti del presepe a Napoli e nel mondo, a cinquant’anni dall’ultimo congresso sull’argomento.

L’apertura dei lavori è affidata a S. E. Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo Metropolita di Napoli. Introduzione e chiusura sono a cura di Rosario Bianco. Del grande valore del presepe parleranno esperti di storia e contenuti delle rappresentazioni presepiali, italiani e stranieri: Monsignor Rino Fisichella, Arcivescovo e Presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione; il magistrato Catello Maresca; Sylvain Bellenger, direttore del Museo di Capodimonte; Filippo Maria Gambari, direttore del Museo Nazionale delle Civiltà di Roma; Francesco Delizia, direttore del Museo nazionale di San Martino; María Teresa Marín Torres, direttrice Museo Salzillo di Murcia (Es); lo scrittore Jean-Noël Schifano; Antonio Diaz Rubio, presidente Fundación Díaz Caballero, fondatore del Museo Internacional de Arte Belenista di Mollina (Málaga, España); Carmine Romano, storico dell’arte e esperto di Arte presepiale. Modera Tjuna Notarbartolo.

Il congresso, annunciato in occasione dell’inaugurazione della Mostra internazionale del Presepe, nella Chiesa di Sant’Angelo a Segno, in via dei Tribunali 45 (aperta al pubblico fino al 14 gennaio), è parte di un più ampio progetto ideato e realizzato dall’imprenditore ed editore Rosario Bianco e dal magistrato Catello Maresca, con l’Accademia delle Arti, Mestieri e Professioni e l’Associazione PartenArt. Un progetto che gode del patrocinio del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione e dell’Arcidiocesi di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *