Adozione clandestina, sventata dagli agenti di Napoli

Adozione clandestina, sventata dagli agenti di Napoli

Sul campo gli agenti dell’unità operativa Tutela minori della Polizia municipale di Napoli, che hanno sventato l’adozione clandestina di una bimba.

Una coppia napoletana ha riconosciuto un bambino non loro, un tentativo di adozione clandestina presto sventato.

Le indagini sono scattate a seguito di una segnalazione in Procura per un annuncio di un bebè appeso sulla porta di casa di una coppia di ultraquarantenni.

Adozione clandestina: la prova del DNA

La coppia aveva raccontato che l’uomo aveva avuto una relazione extraconiugale con un’altra donna, dalla quale era nato il bambino e che sua moglie aveva perdonato l’infedeltà e accettato di accogliere il piccolo, con il consenso della madre naturale.

Ma le prove del DNA hanno svelato che l’uomo non era il padre della piccola, confermando i sospetti di un’adozione clandestina.

Sul campo  gli agenti dell’unità operativa Tutela minori della Polizia municipale di Napoli, coordinati dalla Procura della Repubblica per i minorenni di Napoli, che hanno sottratto la bimba alla famiglia.