Addio, Equitalia. A riscuotere le nostre imposte sarà un’agenzia londinese

Ecco quali sono i grandi cambiamenti che tra questa fine 2014 e inizio 2015 daranno una scossa al settore della riscossione tributi

Grandi cambiamenti attraversano già da qualche tempo il settore della riscossione dei tributi locali. Dopo l’annunciata riforma dello scorso luglio, e avvicinandosi l’ennesima scadenza dell’ultima proroga concessa a Equitalia per l’esclusiva del servizio di riscossione tributi in oltre 4mila comuni, sembra proprio che il destino del colosso che ha turbato i sonni di milioni di italiani sia ormai inevitabilmente segnato.

A quanto pare infatti è sempre più vicino l’accordo della Serti spa, “rivale” di Equitalia, con Conset, agenzia inglese che pare sempre più decisa ad acquistare il 40% delle quote della romana Serti. Un business, quello della riscossione tributi in Italia, che sta attirando molti investitori stranieri, perché considerato sicuro e ad ampio margine di rientro, addirittura destinato a subire un’impennata. Già, perché allo scadere della proroga concessa a Equitalia (scadenza prevista per il 31 dicembre 2014), i Comuni e gli altri enti locali si troveranno a dover “scegliere” a quale società affidare l’ingrato compito della riscossione tributi, ovvero, saranno tenuti a bandire una gara d’appalto, alla quale potranno partecipare le principali aziende private che lavorano nel settore e che sono iscritte all’albo dei gestori dell’accertamento e della riscossione dei tributi locali.

E tra queste si farà avanti senza dubbio la Serti, che, se tutto va come deve, sarà per dicembre di quest’anno già “gemellata” alla inglese Conset. Con ottime probabilità di aggiudicarsi buona parte delle gare d’appalto.