Agguato a Napoli: muore 57enne colpito alla testa da due sicari

Acerra, omicidio Adalberto Caruso: si segue la pista dell’usura

Per l’omicidio di Adalberto Caruso, 57enne ucciso sabato sera ad Acerra, si segue la pista dell’usura.

La morte del 57enne Adalberto Caruso, ucciso sabato sera da due sicari, potrebbe essere legata al mondo dell’usura, questa è infatti la pista più accreditata. Adalberto, detto “Ignazio a ‘mbechera“, marito della sorella del boss Cuono Lombardi (detenuto), ha infatti precedenti specifici per usura, oltre a quelli per spaccio di droga ed estorsione. Dunque potrebbe essere che Adalberto Caruso abbia chiesto denaro a chi non doveva. Sull’omicidio indagano il comandante della caserma di Acerra, maresciallo Vincenzo Vacchiano, e il maggiore Michele D’Agosto della compagnia di Castello di Cisterna.

Omicidio Adalberto Caruso

L’agguato ad Adalberto Caruso è avvenuto a Piazza San Pietro intorno alle 21 tra la folla che si trova nella zona. L’uomo era seduto su una panchina quando alle sue spalle sono giunti i sicari, che lo hanno colpito alla testa. Soccorso e portato nella clinica ‘Villa dei Fiori’ Caruso è morto poco dopo il ricovero.