maurizio de giovanni

Grand Hotel Parker’s: lunedì 17 luglio Maurizio De Giovanni presenta “Rondini d’inverno. Sipario per il Commissario Ricciardi”

Lunedì 17 luglio Maurizio De Giovanni sarà ospite nella splendida cornice del Grand Hotel Parker’s (C.so Vittorio Emanuele n^ 135), all’interno del Bar Bidder’s, per la seconda presentazione a Napoli del suo ultimo romanzo, “Rondini d’inverno. Sipario per il Commissario Ricciardi”, con la moderazione di Anna Copertino e l’intervento musicale  delle “EbbaneSis” Viviana&Serena. L’evento è organizzato da Libreria Raffaello e da Road Tv Italia. E per l’occasione il restaurant manager Giovanni Avolio, dedicherà un cocktail al commissario Ricciardi.

Maurizio De Giovanni – Rondini d’inverno. Sipario per il Commissario Ricciardi

Il Natale è appena trascorso e la città si prepara al Capodanno quando, sul palcoscenico di un teatro di varietà, il grande attore Michelangelo Gelmi esplode un colpo di pistola contro la giovane moglie, Fedora Marra. Non ci sarebbe nulla di strano, la cosa si ripete tutte le sere, ogni volta che i due recitano nella canzone sceneggiata: solo che dentro il caricatore, quel 28 dicembre, tra i proiettili a salve ce n’è uno vero. Gelmi giura la propria innocenza, ma in pochi gli credono. La carriera dell’uomo, già in là con gli anni, è in declino e dipende ormai dal sodalizio con Fedora, stella al culmine del suo splendore. Lei, però, cosí dice chi la conosceva, si era innamorata di un altro e forse stava per lasciarlo. Da come si sono svolti i fatti, il caso sembrerebbe già risolto, eppure Ricciardi è perplesso. Mentre il fedele Maione aiuta il dottor Modo in una questione privata, il commissario, la cui vita sentimentale pare arrivata a una svolta decisiva, riuscirà con pazienza a riannodare i fili della vicenda. Un mistero che la nebbia improvvisa calata sulla città rende ancora piú oscuro, e che riserverà un ultimo, drammatico colpo di coda.

«Il vento tagliente. Fuochi d’artificio, vecchie

stoviglie lanciate da balconi e finestre.

Una cena cilentana che aspetta,

e che non sarà mangiata. Un ospedale,

l’odore dei disinfettanti, una porta chiusa.

Una donna bellissima e aristocratica

in lacrime, vestita di velluto viola, come

i suoi occhi. Una ragazza con gli occhiali

che corre.

Un vecchio che saluta un giovane

e un mandolino.

La solita, stranissima emozione fatta

di sollievo e nostalgia.

Ciao, Ricciardi. È stato meraviglioso

incontrarti ancora una volta».

Maurizio de Giovanni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *